Regione Piemonte

Calcolo Imposta Unica Comunale (IUC)

Last update 31 July 2018

Cos'è la IUC?

Iuc è l'acronimo di Imposta Unica Comunale, il tributo istituito con la legge di Stabilità 2014. Questa nuova Service Tax più che una vera e propria imposta è una sorta di contenitore che racchiude in sé tre distinti tributi:Imu, Tasi e Tari.

La Iuc si basa, così come sancito dalla norma istitutiva, su due presupposti impositivi:

il primo costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore;

l’altro collegato all’erogazione e alla fruizione di servizi comunali.

Per maggiori informazioni sulla Iuc è possibile consultare la legge di Stabilità 2014 al seguente link:  LEGGE 27 dicembre 2013, n. 147

Dichiarazione IUC

I soggetti passivi dei tributi presentano la dichiarazione relativa alla Iuc entro il termine del 30 giugno dell'anno successivo alla data di inizio del possesso o della detenzione dei locali e delle aree assoggettabili al tributo.

Nel caso di occupazione in comune di un'unità immobiliare, la dichiarazione può essere presentata anche da uno solo degli occupanti.

Tale dichiarazione, redatta su modello messo a disposizione dal comune, ha effetto anche per gli anni successivi a meno che non si verifichino modificazioni dei dati dichiarati da cui consegue un diverso ammontare del tributo. In tal caso, la dichiarazione va presentata entro il 30 giugno successivo a quello in cui sono intervenute le predette modificazioni.

Decreto 'Salva Roma'

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale (serie generale n.54 del 6 marzo 2014) il cosiddetto “Salva Roma”, il decreto legge 6 marzo 2014 numero 14 relativo alle: ”Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità dei servizi svolti nelle istituzioni scolastiche”. Tre le altre cose esso contiene alcune novità e apporta alcune modifiche, in materia Tasi e Tari, alle norme contenute nella legge di Stabilità 2014. Per poter consultare il testo integrale del decreto clicca qui :
DECRETO-LEGGE 6 marzo 2014, n. 16 
Gazzetta Ufficiale 54/2014 pdf

Conversione in legge n. 68/2014, con modificazioni, del decreto-legge 6 marzo 2014, n. 16

Il dl 16 recante disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonche' misure volte a garantire la funzionalità dei servizi svolti nelle istituzioni scolastiche, è stato convertito nella legge n. 68/2014 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 102 del 5 maggio 2014.

LEGGE 2 maggio 2014, n. 68

Novità IUC 2016-2017

IMU

Download: AVVISO IMU 2018.pdf

Scadenze 2018:

Acconto 18/06/2018

 Saldo 17/12/2018

Rimane valido l'istituto del ravvedimento operoso nel caso di pagamenti effettuati oltre la scadenza. 

 Aliquote 2018

(Deliberazione del Consiglio Comunale n. 28 del 17.07.2015, confermate con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del 15.02.2018):

  1. L'aliquota di base dell'imposta è pari al 10,60 per mille;
  2. L'aliquota per l'abitazione principale e per le relative pertinenze è pari al 3,50 per mille (categorie catastali A1, A8, A9);
  3. Detrazioni: di € 200,00 dall’imposta dovuta (fino a concorrenza della stessa) per l’unità immobiliare adibita ad abitazione principale (categorie catastali A1, A8, A9) del soggetto passivo e per le relative pertinenze, per il periodo durante il quale si protrae tale destinazione; inoltre, se l’unità immobiliare è adibita ad abitazione principale da più soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi in egual misura e proporzionalmente al periodo per il quale la destinazione stessa si verifica.

Download: DCC.VIA.[28.15].App.Aliq.IMU._15.pdf

Download: DCC 05-18 TARIFFE TRIBUTI VIARIGI.pdf

Calcolo IMU

IMU - Codici Tributo IMU per Modello F24

 Per il 2013 (e anni successivi) i Codici Tributo dell'IMU sono i seguenti: 

  • 3912 abitazione principale e relative pertinenze (destinatario il Comune)
  • 3913 fabbricati rurali ad uso strumentale (destinatario il Comune)
  • 3914 terreni (destinatario il Comune)
  • 3916 aree fabbricabili (destinatario il Comune)
  • 3918 altri fabbricati (destinatario il Comune)
  • 3923 interessi da accertamento (destinatario il Comune) da utilizzare solo in caso di accertamenti
  • 3924 sanzioni da accertamento (destinatario il Comune) da utilizzare solo in caso di accertamenti 
  • 3925 denominato “IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – STATO”
  • 3930 denominato “IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad uso
    produttivo classificati nel gruppo catastale D – INCREMENTO COMUNE”

UNITÀ IMMOBILIARI POSSEDUTE DA ANZIANI O DISABILI - ASSIMILAZIONE (Art. 11 Regolamento Comunale)

1. Dall’anno d’imposta 2014 si considera direttamente adibita ad abitazione principale l’unità immobiliare posseduta da anziani o disabili che abbiano acquisito la residenza in istituti di ricovero o sanitari, a condizione che la stessa non risulti locata.

UNITÀ IMMOBILIARI POSSEDUTE DA ISCRITTI AIRE - ASSIMILAZIONE (Art. 12 Regolamento Comunale)

 1 - A partire dall’anno 2015 si considera direttamente adibita ad abitazione principale una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE), già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza (pensioni in “convenzione internazionale” e “pensioni autonome italiane e pensioni estere”, con esclusione pertanto delle “pensioni italiane”), a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata o data in comodato d’uso.

Immobili concessi in comodato d’uso gratuito a parenti in linea retta di primo grado

La Legge 28.12.2015 n. 208 (Legge di stabilità 2016), pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana in data 30.12.2015 al n. 302 ha introdotto le seguenti NUOVE condizioni per poter beneficiare delle agevolazioni di cui all’art. 13 comma 3 del D.L. 201/2011 (riduzione del 50% della base imponibile ai fini IMU) previste a favore di coloro che concedono in uso gratuito un immobile ad uso abitativo a parenti in linea retta entro il primo grado:

  • il comodante deve possedere un solo immobile in Italia e risiedere anagraficamente nello stesso Comune in cui è situato l'immobile concesso in comodato;
  • il comodatario deve utilizzare l’immobile concesso come “abitazione principale”;
  • il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante, oltre all'immobile concesso in comodato, possieda nello stesso Comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, ad eccezione delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A /9;
  • il contratto di comodato deve essere registrato all’Agenzia delle Entrate;
  • Il contribuente dovrà presentare dichiarazione IMU entro le scadenze ordinarie.

Terreni agricoli

A decorrere dall'anno 2016 sono esenti IMU i terreni agricoli nei comuni presenti nella Circolare del Ministero delle finanze n. 9 del 14 giugno 1993, pubblicata nel supplemento ordinario n. 53 alla Gazzetta Ufficiale n. 141 del 18 giugno 1993.

Pertanto i terreni agricoli siti nel Comune di Viarigi sono dal 2016 esenti.

Download: DCC.VIA.[27-15] .App.new Reg IMU.pdf

Modulistica IMU

Download: COMUNICAZIONE IMMOBILE CONCESSO IN USO GRATUITO.pdfOK

Download: COMUNICAZIONE DI CESSAZIONE DELLA CONCESSIONE IN USO GRATUITO.pdf

Download: DOMANDA DI RIMBORSO.pdf 

TASI

Aliquote 2016 (Deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del 08.09.2014, confermate con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del 15.02.2018):

  1. 1. abitazioni principali e per le unità immobiliari ad esse equiparate (solo categorie catastali A/1, A/8 e A /9) è pari al 2,5 per mille.
  2. l’aliquota è pari allo zero per mille relativamente alle aree edificabili ed ai fabbricati ad esclusione dell’abitazione principale (solo categorie catastali A/1, A/8 e A /9).

Download: DCC.VIA.[26-15].Aliquo.TASI._15.pdf

Download: DCC.VIA.[25-15].App.Pia.Fin.TASI..pdf

Download: DCC 05-18 TARIFFE TRIBUTI VIARIGI.pdf

Download: DCC.VIA.[24-15].App.New.Reg.TASI..pdf

Calcolo TASI

 

TASI - Codici Tributo per Modello F24

Con la Risoluzione N. 46/E del 24 aprile 2014 l'Agenzia delle Entrate ha istituito i Codici tributo da utilizzare per i versamenti della TASI

 I Codici Tributo TASI sono i seguenti:

  • 3958 TASI –  tributo per i servizi indivisibili su abitazione principale e relative pertinenze – art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 e succ. modif

 TARI

A partire dal 01/01/2014 è entrata in vigore la TARI (Tassa sui Rifiuti), ai sensi della Legge 27.12.2013 n. 147, in sostituzione del
Tributo Comunale sui Rifiuti e Servizi (TARES), peraltro con molte analogie con il tributo soppresso.

Il pagamento dovrà essere effettuato presso qualsiasi banca o ufficio postale alle scadenze indicate nella comunicazione che sarà recapitata ai contribuenti, utilizzando i modelli F24 precompilati dal Comune.

Download: DCC 04-18 TARIFFE TARI VIARIGI.pdf

Download: DCC 03-18 PIANO FINANZIARIO TARI VIARIGI.pdf

Download: DCC 02-18 REG. TARI VIARIGI.pdf

L’Ufficio Tributi rimane è a disposizione per qualsiasi chiarimento e/o informazione nei seguenti orari e giorni di apertura al pubblico:
da lunedì a venerdì dalle 9.30 alle 12.30 
sabato dalle 8.30 alle 12.30.

Telefono :  0141611050

 

 

Per accedere al calcolo dell' Imposta  Unica Comunale

 

 http://www.riscotel.it/calcoloiuc2017/?comune=L834